Genitori alla Lavagna

Anto

Antonella alla Lavagna

Ciao, mi chiamo Antonella e sono la mamma di Giada e Alessandro.

Perché Genitori alla lavagna?

Diciamo che ho voluto dare uno spazio ai miei pensieri a volte un “po’ ingombranti” ma soprattutto sentivo la necessità di fissare nel tempo alcuni momenti legati ai miei figli che ritengo importanti e che voglio preservare.

Allo stesso tempo  mi auguro, lungo il percorso, di trovare altri genitori pronti a condividere le loro esperienze e con i quali confrontarmi per cercare nuovi spunti per migliorare.

 

Credo che il compito del genitore, il punto di arrivo, sia quello di accompagnare il bambino all’età adulta, sostenendo il suo sviluppo non solo fisico ma anche emotivo, intellettivo e sociale.

E’ sicuramente un lavoro complicato, mi sono resa conto che non esistono regole universali applicabili, dato che ogni bambino è unico, non esiste la strada giusta ma il percorso migliore per lui. Quando è nata mia figlia, ho capito quanto fosse importante l’informazione, ho seguito un corso pre-parto, ho letto articoli su internet, libri ecc. e ho ottenuto nozioni che mi hanno aiutato a superare senza ansia momenti importanti e di crescita del mio bambino.

Su ogni argomento puoi trovare scuole di pensiero diverse, ma conoscerle è comunque utile. Alcune le condividi, per alcune sei disposta a provare, su altre sei completamente in disaccordo, ad ogni modo danno spunti di riflessione e a volte la tua strada è a metà tra altre…

I bambini crescono più velocemente di quanto ti aspetti, sono fiera di come ho superato fasi anche complicate come l’inserimento al nido e l’arrivo del fratellino.

Se ne avvicina una nuova che  trovo importante per la quale mi sento impreparata, l’inizio alla scuola Primaria (Elementare).

E’ un cambiamento importante, l’obiettivo della scuola è quello di istruire, di avviare alla disciplina. Si è messi alla prova con i primi impegni con la richiesta di conseguire risultati.

Ci siamo passati tutti e le attività proposte sono sicuramente adeguate all’età dei bambini ma è naturale domandarsi “Saranno pronti?” e cosa posso fare per aiutare l’inserimento?

Genitori non si nasce ma ci si diventa, si va per tentativi, correggendo il tiro, quando necessario. Siamo Genitori “alla lavagna” e con un duplice ruolo, quello di insegnante, di esempio  e nello stesso tempo di alunno. Non si finisce mai di imparare.